L’export USA nel 2018 ha rappresentato una fetta di mercato per l’Italia tutt’altro che trascurabile: 42.449 milioni di Euro totali nell’anno passato, pari al 9,2% delle esportazioni totali. Anche il 2019 inizia bene, con un valore, a gennaio, di 3.410 milioni (Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico Ministero Sviluppo Economico su dati Istat).

I beni da esportare negli USA: la top ten

Quali prodotti si riesce a esportare negli USA con maggior successo? Ecco la classifica dei primi 10, in ordine di volume di traffici in milioni di Euro (Fonte: Info MercatiEsteri).

1.    Macchinari e apparecchiature 7.878
2.    Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 5.111
3.    Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 3.840
4.    Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 3.722
5.    Prodotti delle altre industrie manifatturiere 2.2396
6.    Prodotti alimentari 2.160
7.    Bevande 1.952
8.    Prodotti chimici 1.893
9.    Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 1.724
10.Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 1.611

Il posto del vino nell’export verso gli USA: c’è da brindare!

Nella classifica, prodotti alimentari e bevande sono classificati separatamente, ma il volume totale degli scambi ammonta a 4.113 milioni di Euro.

Una menzione a sé spetta al settore vinicolo: gli Stati uniti rappresentano il primo mercato per il nostro Paese. Secondo i dati forniti a marzo 2019 dallo US Department of Commerce, il valore delle esportazioni è salito nel 2018 del 6,8%. L’incremento è sicuramente dovuto a un incremento dei prezzi medi (+5,4%), ma non soltanto.

Come stabilire un corretto livello di prezzi sui mercati esteri?

A proposito di prezzi, gran parte della buona riuscita della strategia di internazionalizzazione di un’azienda sta nell’identificare un corretto “range” di prezzo, soprattutto su mercati lontani come quello USA. Tenendo conto delle caratteristiche del mercato e del profilo dei concorrenti, oltre che dei maggiori costi di commercializzazione, come fissare il livello di prezzo più appropriato?

La suite ReadyToExport contiene il modulo Price for Profit, sviluppato per aiutare i manager delle PMI e i consulenti per l’internazionalizzazione nell’elaborazione di una corretta strategia di prezzo, in funzione degli obiettivi scelti dall’utente (redditività, fatturato, posizione di mercato).

Prova Price for Profit nella versione DEMO di ReadyToExport, gratuita per 15 giorni.