GUIDE DIGITALI

Di Bruno Susio – Amministratore Unico di Sistema Susio srl, Consulenti di Direzione – Presidente OIV di Roma Capitale

Oggi servono guide competenti a supporto della strategia per la trasformazione digitale negli enti pubblici ed al Responsabile per la Trasformazione Digitale.

Le competenze devono necessariamente essere sia di natura tecnologica ma anche organizzativa e di sviluppo delle risorse umane presenti negli enti. Perché la trasformazione digitale si poggia soprattutto sulle persone. E queste determinano il successo o meno di qualsiasi progetto di evoluzione che l’ente mette in campo.

Premessa

Il lockdown e la pandemia di Covid-19, imponendo il Lavoro Agile – smart working, hanno reso necessaria per gli Enti pubblici la transizione verso il digitale. Il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione 2020 individua specificamente la figura del Responsabile della Transizione Digitale (RTD), per definire i cambiamenti organizzativi e gli adeguamenti tecnologici necessari.

La Circolare n. 3 del Ministro per l’Innovazione Tecnologica e l’Informatizzazione richiama le amministrazioni a provvedere alla individuazione del RTD preposto all’ufficio per la transizione al digitale e alla relativa registrazione sull’Indice delle pubbliche amministrazioni (IPA – www.indicepa.gov.it).

Inoltre, la Legge n. 77/2020 ha istituito il POLA – Piano Organizzativo del Lavoro Agile – una sezione del Piano della Performance in cui ogni ente dovrà definire le misure organizzative necessarie per consolidare il Lavoro Agile nel proprio contesto:

  • i requisiti tecnologici;
  • i percorsi formativi del personale (anche dirigenziale);
  • gli strumenti di rilevazione e verifica periodica dell’efficacia e dell’efficienza dell’azione amministrativa;
  • la digitalizzazione dei processi;
  • la verifica della qualità dei servizi.

Il POLA andrà redatto entro il 31 gennaio di ciascun anno e dovrà prevedere che almeno il 60% del personale possa accedere al lavoro smart – per le attività che possono essere svolte in modalità agile.

Ma, come stanno affrontando oggi gli enti l’opportunità della transizione al digitale?

Molto spesso essi riscontrano ostacoli nell’attuazione di quanto previsto perché mancano competenze organizzative e tecnologiche specifiche per lavorare in digitale.

Servono quindi delle vere e proprie “Guide digitali”, cioè angeli custodi della transizione digitale che possano supportare gli enti sotto i seguenti profili:

  1. Governance del processo di digitalizzazione;
  2. Organizzazione dei processi e sviluppo delle competenze delle risorse umane;
  3. Adozione di misure adeguate rispetto ai rischi di sicurezza informatica.

Più in generale, si reputa essenziale, soprattutto in questa fase di novità e quindi di incertezza per tutti, garantire il massimo supporto all’azione del Responsabile della Transizione Digitale.

Sistema Susio ed Ecoh Media hanno ben chiare le esigenze delle amministrazioni pubbliche in questo percorso ed hanno l’esperienza e la competenza per candidarsi ad essere le guide utili per accompagnare le amministrazioni nel loro cammino.

Continua la lettura su “WWW.DIGITALDRIVERS.IT”